lunedì 30 gennaio 2012

Il Bello della natura...

In principio fu Albero Angela, figlio di Piero (mio idolo e nonno putativo) che ci guidava tra le meraviglie della natura, e le scoperte degli uomini che hanno cambiato il mondo, con un approccio scientifico, modi educati, con un  garbo ed un' eleganza che  rendono Albero un uomo affascinante, personalmente lo trovo in un certo senso anche un pò avvenete non fosse altro che per  la sua profonda cultura per me fonte di seduzione.
Poi su italia uno, la divulgazione scientifica perde in spessore e la natura in Wilde/oltrenatura,  viene mostrata oltre i suoi aspetti  normali, vengono spettacolarizzati fenomeni tra i più singolari e disperati, tanto da far riaffiorare i ricordi di quei famosi circhi dove c'era il famoso baraccone dei fenomeni. 
La trasmissione scivola nel grottesco mostrando soggetti umani affetti da malformazioni e casi clinici sempre più gravi e singolari che si traducono in pretesti per accrescere la morbosità della gente. Più che mostrare appunto si tende a spettacolarizzare, una trama già  tristemente narrata nel film Freaks.
In questo spettacolo condotto magistralmente(?) dalla famossissima e bravissima(!) Fiammetta Ciccogna,  alla quale vorrei tanto chiedere a chi ha dato il cuore, o di chi è figlia per aver colonizzato e così rapidamente, i palinsesti tv con un semplice spot televisivo? mah....
ad ogni modo,
in questo programma troviamo la rubrica, (perdonate il termine retrò!)
di Bear Grylls, al quale per avvenenza e prestanza fisica perdono il fatto di essersi scelto questo nome d'arte, di cui ignoro le ragioni.
Il virus reality deve aver influenzato il nostro eroe che come fosse un naufrago dell'isola si lascia catapultare da un elicottero un pò ovunque nei vari ambienti estremi del pianeta, mostrandoci come sopravvivere nel caso capitasse un giorno, anche a noi.
Dubito che se mai  naufragherò tra le foreste della Papuasia mi ricorderò di quello che avevo visto magari dieci anni prima in uno show televisivo di Italia1...ma comunque apprezzo lo sforzo, e sono anche curioso di scoprire le tecniche di sopravvivenza  che via via ci mostra, dopotutto spero sempre che possa denudarsi da un momento all'altro per ragioni che ignoro....come ogni tanto accade.
La cosa invece che non sopporto e la sua continua cattura e uccisione di tutto ciò che si muove sul suolo durante il suo cammino, una volta ha persino ammazzato un coccodrillo e mi chiedo: primo siccome è palese che è uno spettacolo, ci sono le telecamere! non è davvero rimasto solo senza cibo,e tutto il resto, era proprio necessario uccidere, un animale solo in funzione di uno programma? In secondo luogo, noi gente di città potremmo mai soli ed affamati uccidere un coccodrillo??  la risposta è no.
Sorpresa delle sorprese! cosa ci fa il bel jake Gyllenhaal assieme a Bear e per giunta nudi?????

Per non parlare poi di tutti gli insetti larve e ragni che fa fuori....

Ultimamente su La7 un nuovo avventuriero, un esploratore mostra invece dei bellissimi filmati di tipo puramente documentarista, per esempio se cattura un serpente lo fa solo per mostrare da vicino il rettile, che poi lascia immancabilmente libero di andare, oppure una volta ha salvato un piccolo di bradipo, rimasto orfano da morte certa portandolo in un ospedale per animali, sono contento di dire poi, che si tratta di un italiano, Vincenzo Venuto, che posso affermare essere anche un tipo interessante sotto tutti gli aseptti, insomma un bello della natura....



12 commenti:

  1. quel Venuto;P piace molto anche a me!mi piaceva un casino anche "Mr crocodile hunter" Steve Irwin...che putroppo ci ha rimesso le penne:/
    la Cicogna la metterei a bollire nel pentolone di qualche tribù selvaggia....scusa di solito sono più buono:)
    lost

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il signor coccodrillo mi sfugge......

      Elimina
  2. Devo dire che Piero Angelo è un mio mito (ora anche tu Nato stanco), è una persona intelligente, colta e mai maleducata rispetto altri della tv. E' anche esperto di musica jazz, cioè un figo, mi è pure un semiartista. Secondo me è ancora un bell'uomo, solo un po' âgé... Il figlio non mi dispiace anche se mi pare un po' meno bello del padre come nei lineamenti del viso...
    Beh quel Bear Grylls è bello ma ha un po' freddo... migliore invece Venuti.
    Ti devo dire che non sono attratto da uomini così avventurieri..... Preferisco uomini con impieghi normali....
    Buona Giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. amleto un pò troppo agè direi... qui si scade nell'archeologia PREISTORICA proprio.... :)

      Elimina
  3. E si io ci sono cresciuto con Piero Angela e Alberto ne è decisamente il degno figliuolo... e anche su di me ammetto che ha un certo ascendente, non so sarà la barba, il capello ribelle, ma merita davvero :)
    Ho visto invece una sola puntata di Wilde... da allora lo evito come la peste :p

    RispondiElimina
    Risposte
    1. majin anch'io sin da bambino seguivo quark e i suoi special...

      Elimina
  4. bear grylls è il chuck norris del 2000... ha delle capacità vere che vengono usate purtroppo per fare tv.
    In altri campi infatti era già famoso di suo perchè sebbene sia tutto finto.. le cose le sa fare. xD
    Si fa chiamare Bear perchè è un nomignolo che gli diede la sorella maggiore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. rafa allora adesso so perchè si fa chiamare cosi... ^__^

      Elimina
  5. Sorvolerò su Angela senior et junior limitandomi a sperare di non vedere in tv anche la terza generazione.

    Grylls mi fa orrore, vederlo che mangia la tarantola arrostita è stato troppo ("ricordate di cuocere bene i peli delle zampe perché sono urticanti").
    Ricordo invece con piacere la pastinaca che ha spedito il molestatore di animali Steve Irwin sul fondo della catena alimentare.

    Mille volte meglio Venuto, più rispettoso della natura, meno macho, e perfino un tantino imbranato. perfetto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. graziano adesso mi devi spiegare cos'hai contro piero angela!!!!!

      Elimina
    2. Diciamo che è la rappresentazione di quell'establishment culturale che si sente in diritto di decidere quali branche del sapere siano scientificamente tollerate e quali siano da buttare nell'immondizia, facendo sempre molta attenzione ai poteri forti da spalleggiare e a quelli contro cui non mettersi.
      Senza contare che l'infilare il figliolo in tv sarà pure prassi in Italia ma resta comunque terribilmente inelegante.

      Elimina
    3. capisco cosa vuoi dire, cmq per me resta una bravissima figura nell'ambito della divulgazione, ricordo gli special sui grandi dell'arte, come Leonardo, Michelangelo, che registrai in vhs!
      il figlio malgrado la colpa di essere Il FIGLIO DI, è cmq molto preparati di suo...

      Elimina