mercoledì 21 marzo 2012

Magnifica Presenza, il mio commento

I film di  Ferzan Ozpetek, hanno questo ironico destino per cui  sono ormai bollati da una recensione comune che li definisce (e liquida) con la solita frase: "non è il suo miglior film, però è carino", ma, se è vero che ormai sono diversi anni che me lo sento dire, andando a ritroso vorrei capire quale diamine sia stato il suo film migliore?
 Parole come altre, dette da chi in realtà non ci ha capito una mazza e per paura di restare muto dice queste frasi di convenienza, come quando chiediamo: ma come stai? ed in realtà non ce ne frega assolutamente nulla!
Io per esempio il suo film precedente non l'ho apprezzato,  mi è sembrato un pamplet di fatti e personaggi, che raccontavano una storia pasticciata e poco intrigante.
Del resto affidare la parte da protagonista a Scamarcio, parafrasando ed invertendo una battuta del nuovo film:  Scamarcio già non è convincente quando recita da etero figurarsi da gay.
Magnifica Presenza invece mi è piaciuto, mi è piaciuta la scelta dell'attore, Elio Germano bellissimo nella sua normalità, occhi cosi vivi, gestualità studiata per il personaggio, mai oltre e sopra le righe, insomma c'è roba da attore, che fa dimenticare certi belloni inerti, transitati per i suoi film. Ma soprattutto ho adorato il personaggio, un autentico sfigato, imbranato, un poveraccio.
Io ho la passione per personaggi del genere, del resto chi scrive è uno che vedeva i Puffi sperando ogni volta che Gargamella ne catturasse uno!
Pietro, il protagonista, oltre ad essere un perdente, si fa persino stolker, quando tartassa il ragazzo con cui si è fatto una scopata da nulla ben tre ( e dico tre!) anni prima, con messaggini, chiamate regali, noncurante di non aver ricevuto mai nessuna risposta dal tipo, che alla fine lo manderà a cagare! Ti senti vicino a questo anti-eroe che ha in se sicuramente calcate e palesate cose che tu hai vissuto, seppur nell'ordine di microdosi, nella tua primissima vita sentimentale. Chi non è rimasto deluso da un incontro? chi non si è fatto castelli in aria per poi vederseli crollare inesorabilmente?Certo lui le ha proprio tutte le manie he.... come quella di catalogare  e trascrivere con un ordine maniacale le sue ricette culinarie preferite.
Ridevo da matti!
Il suo essere pessimista, auto-castrante, svilendosi  quando specificando che, pur lavorando in pasticceria, lui si limita a preparare solo i cornetti!
Salvo poi avere velleità artistiche credendo possibile che uno come lui possa davvero fare l'attore.
Ma lui ci crede fortemente! e si fa umiliare ai numerosi provini cui partecipa.
Ah dimenticavo è gay... è questa è la cosa più bella nel senso che  la sessualità non è l'argomento principale di questo film, poco più di una sfumatura del personaggio, questo si potrebbe definire una novità nelle sceneggiature di Ozpetek.
Poi è ovvio ci mette qua e la due traveste, ma quelle si sa, stanno lì un pò per far scena, oppure, come io penso devono essere per lui una sorta di feticcio, una specie di figura tra il mondo umano e le sfere spirituali, un  demiurgo. Esse sono sospese tra due mondi e infatti, se ci badate bene, affida loro, nei suoi film il ruolo di guida spirituale, detentrici del sapere profondo, e dei meccanismi della vita.
Altro feticcio: I dolci, anche qui li ritroviamo, come in La finestra di fronte, e in Mine vaganti (vai a capire perchè?).
L'unica scena di cui avrei fatto volentieri a meno è quella con Platinette in versione Buddha (con tanto di rosario buddista) e le sarte trans, davvero inutile.
Il finale resta aperto ad ogni supposizione, ognuno può immaginare quello che vuole, che ne sarà del nostro protagonista? e dei fantasmi che ormai liberi(?) perché coscienti di essere morti mi sembrano  tanto simili ai "Sei personaggi in cerca d'autore" di Pirandello?


Basta un pò di fantasia, certo, cari lettori, sempre che l'abbiate.....






27 commenti:

  1. io l'ho visto e mi è piaciuto, ne ho parlato... non sapevo questa cosa di Ozpetek, cosa si dicesse dei suoi film, ma boh, forse non li ho visti nemmeno tutti i suoi film... ho evitato volentieri quello con Scamarcio... comunque pure a me non è piaciuta la scena con Platinette, inutile proprio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. molti miei amici, ma anche nei blog ho letto parecchie volte questa frase del "Non è certo il suo film migliore" ^__^ che mi fa ridere un pò..perchè se non mi fai un raffronto tra uno che ti è piaciuto e quello no... non ha senso dirlo... ho letto la tua recensione, le ho lette un pò tutte in giro xke è bello notare come ognuno recepisce diversamente lo stesso film...

      Elimina
  2. Non l'ho ancora visto, ma Ozpetek, regista da 9 e 1/2 secondo i miei gusti, qualche volta m'ha tradito, e qui mi aggancio solo all'incipit del tuo post.
    In particolare ho stra-amato (voto 10!): Il bagno turco, Le fate ignoranti, Saturno Contro e Mine vaganti.
    Mi son molto piaciuti (voto 8): La finestra di fronte e Un giorno perfetto
    Grossa delusione (voto 5) per: Harem Suarè e Cuore Sacro.
    Vedremo anche questo. Di Ferzan non me ne perdo uno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. spero di non averti rivelato troppo allora!!, io harem suarè non l'ho mai visto :(

      Elimina
    2. Visto. Voto 7 e 1/2. Ma Germano e il suo personaggio son da 10 e lode!

      Elimina
    3. allora siamo sulla stessa linea.. anche io dò i tuoi stessi voti!!

      Elimina
  3. Ma è ancora viva Platinette!?
    Questo film ancora non l’ho visto. Mine vaganti mi era piaciuto, devo dire che mi ero un po’ ricreduto su Scamarcio, va beh c’è di meglio…
    Gargamella, io lo adoravo, così come il gatto… hi hi hi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Birbaaaaaa!!!!!!!!!!!! stupida gatta!!!!!!!!!!!!

      Elimina
  4. Da vedere quanto prima.. thanks ;)

    RispondiElimina
  5. Daje mi hai convinto và...ci vado!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bravo vacce và..... ^__^

      Elimina
    2. che me ce stai a mannà? :)

      Elimina
    3. mancopèniente!!! /nun 'zia maj!!

      Elimina
  6. D'accordo al cento per cento su platinette!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma poi vai a capire perchè???? percheeeeé??? ^__^

      Elimina
  7. Io amo Ozpetek ( pronuncio il suo nome in modo sbagliato da quando l'ho conosciuto ), anche se alla fine ho visto solo pochi film come Le Fate Ignoranti ( che è in assoluto il mio preferito ), Saturno Contro e Cuore Sacro, e mi sono piaciuti tutti e tre anche se ammetto che le storie non sono poi così originali. Stà qui il fatto strano, seppur non siano storie originalissime e fantastiche riescono a catturarmi. Ogni volta che guardao le Fate Ignoranti mi viene un magone alla gola e mi sento come se anche io volessi far parte di quel gruppo, senza una ragione precisa. Ok, sto divagando e non mi sono neanche spiegato bene.
    Quando ho visto il tuo post mi sono sentito morire. La scorsa settimana ero in giro con il mio ragazzo. Mancava mezz'ora alla partenza del treno e io avevo una fretta assurda. Abbiamo deciso di fare un giro veloce alla Feltrinelli della stazione Porta Nuova di Torino e vedo la locandina di questo film e la sua presentazione. In principio non vedo il nome di Ozpetek e quindi me ne sbatto le palle. Poi arrivo di fronte la sala stampa e mi accorgo che è pienissima di gente: al suo interno c'erano Fiorello, la tipa che in questo momento non ricordo come si chiama e ... LUI! Mi stavo per mettere a piangere perchè andavamo di fretta e non potevamo restare e ho maledetto tutti perchè non ho potuto neanche chiedergli neanche l'autografo! Non vedo l'ora di vedere il suo ultimo lavoro ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. chi intendi per Lui? il regista o Elio Germano (no perché io mi sono innamorato ufficialmente di lui da quando fece quella sparata, bello come il sole, ai david di donatello)

      Elimina
  8. Volevo commentare dopo aver visto il film, ma ancora non ho trovato l'anima pia che mi ci porti... detesto andare al cinema da solo... e questo è uno dei lati negativi dell'essere single :(
    Comunque se tutto va bene lo vedo in settimana ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. majin io non sono mai andato al cinema da solo. è un taboo x me, mi sento solo, e penso che tutti guardandomi penserebbero: poverino non ha nessuno con cui andare al cinema ^__^ invece dovremmo fregarcene anzi certi adorano proprio andarci soli.... mmh mi sa che scivo un post su questi strani taboo....

      Elimina
    2. Dai dai, fai un post su questo. Anche perchè io al cinema da solo ci vado l'80% delle volte. Della serie: anch'io penso che dalla cassiera al resto del pubblico ci sia il pensiero "povero uomo 40enne single e sfigato, nessuno che lo accompagna!", ma adoro talmente tanto il cinema che se andassi solo a vedere i film che piacciono ai miei amici perderei tutte quelle chicche che piacciono a me (che divoro cinema a go-go). Quindi mi son detto "chissenefrega" e ho rotto almeno questo taboo. Vado, mi godo il film, non li faccio distrarre da nessuno e mi sento comunque contento.

      Elimina
    3. fai bene inco, come ho scritto c'è un sacco di gente che ci va da solo per scelta.. infatti è uno stupido taboo, appena ne raccimolo altri tre o quattro di stupidi taboo lo scrivo.. sennò rilancio! e ti offro l'idea x scriverci tu sopra... hihhi

      Elimina
    4. Uhmm... mi solletica l'idea. Chissà :)

      Elimina
  9. Allora, nell'ordine:
    1. Solo per il tuo incipit ti amo #chesisappia

    2. i critici cinematografici del "non apprezzo nulla che non sia stato fatto da un regista cecoslovacco claudicante e cieco dalla nascita su pellicola Kodak del 1920 con silenzi di 55 minuti e fermi immagine di un'ora e mezzo" mi hanno ampiamente rotto le balle. Che poi non si capisce perché, se questo genere di film li fa cagare, continuano ad andarci (NB. Non provare a rubare questa frase perché sarà l'incipit del mio commento a Magnifica presenza, dopo che andrò a vederlo eheheh);

    3. Ozpeteck è pieno di feticci. Però nei film passati non mi sembrava che la travesta fosse una "guida spirituale"

    4. Anche io penso che andare al cinema da soli sia il fermo immagine della solitudine universale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie per il tuo amore profuso... fa sempre comodo... ;) TRAVESTE: massi dai, o sono le traveste o le battone di mezza età... che infondono saggezza, a modo loro si intende! ;)
      non ti ruberò nessuna battuta, perche non ho più intenzione di parlare de sto film... la cosa risulterebbe patologica...
      infine che hai da dire sui film russi muti? ^_^ io ne ho visti tantissimi, come quelli giapponesi.. su rai tre a fuori orario! ;)
      ad ogni modo: buona visione! attendiamo con ansia la tua opinione,....

      Elimina
    2. E la mia opinione fu data :)

      Elimina